Degasperi: “la discarica di Sardagna va bonificata”

Degasperi: “la discarica di Sardagna va bonificata”

Il Consigliere Filippo Degasperi del M5S vuole vederci chiaro sulla gestione della discarica di Sardagna, già passata agli onori delle cronache nazionali e sulla quale circolano voci allarmanti.

Secondo Degasperi: “Se quanto si dice riguardo ai piani del Comune di Trento per la discarica fosse confermato saremmo di fronte a scelte folli: si parla di limitarsi a gestire una massa di rifiuti potenzialmente contaminanti che supera le 285 mila tonnellate tramite la copertura in cemento degli stessi quando il Ministero dell’Ambiente segnala che vanno interamente rimossi perché il sempre attento Comune di Trento si era dimenticato di far erigere le adeguate protezioni geologiche e far istituire i necessari controlli dell’acqua da parte della società gestrice.

Per capirci, parliamo di rifiuti pericolosi che vanno rimossi per garantire la salute dei cittadini che invece il Comune vuole mantenere dove sono, limitandosi a nasconderli.

Allo stesso tempo hanno ripreso a circolare voci sulla possibile riapertura del sito, cosa che a fronte dei fatti accertati e degli stessi pronunciamenti della Corte Costituzionale sarebbe addirittura criminale.

Va da sé che se questa malaugurata ipotesi fosse confermata il M5S farebbe tutto quanto in suo potere per impedirne il compimento”.

Degasperi entra poi nel merito delle azioni fin qui intraprese: “Su Sardagna, grazie al contributo dei nostri attivisti siamo attenti da tempo.

Dopo il preoccupante incontro pubblico del 19 gennaio in cui l’incostituzionalità della norma su cui si fondano gli atti amministrativi che parlano di riapertura della discarica era stata taciuta, avevo presentato una interrogazione al Consiglio Provinciale ad oggi senza risposta. Chiedevo i dettagli delle intenzioni di Provincia e Comune di Trento nei confronti della discarica.

Come testimonia anche la visita al sito che abbiamo organizzato oggi col vicepresidente della commissione bicamerale ecomafie, Stefano Vignaroli ed i rappresentanti dei comitati locali, non abbiamo smesso di occuparci della questione né intendiamo farlo finché la zona non sarà bonificata e la salute dei cittadini garantita”.

Degasperi infine rileva che la discarica di Sardagna sarà oggetto anche del prossimo question time di un consigliere di maggioranza: “Ben vengano tutti i contributi; a questo punto posso sperare che anche l’interrogazione del M5s datata 30 gennaio sarà degna di ricevere risposta, soprattutto per i molti cittadini allarmati dalle possibili conseguenze di nuovi conferimenti e della mancata bonifica”.

Tagged with:

Related Articles