I danni del museo del Buonconsiglio li paga l’assicurazione? No, la Provincia

I danni del museo del Buonconsiglio li paga l’assicurazione? No, la Provincia

Presentata oggi un’interrogazione per comprendere la vicenda della deliberazione n. 1609 15/09/2014 della Giunta Provinciale. Risulta infatti che il direttore del Museo Castello del Buonconsiglio, monumenti e collezioni provinciali, ente strumentale della Provincia, in data 17 giugno 2014, abbia inoltrato richiesta alla Provincia di finanziamento per l’importo di euro 186.407,50 per far fronte agli oneri derivanti dalla sentenza del Tribunale di Brescia di data 22 maggio 2014 per la causa civile n. 14499/2008 intentata dalla Parrocchia di Santa Maria Assunta di Montichiari contro il Museo per il danneggiamento di un’opera d’arte prestata in occasione di una mostra tenutasi presso il Castello del Buonconsiglio.interrogazionecastellodelbuonconsigliotrento

Viene spiegato genericamente che le risorse finanziarie assegnate dalla Provincia sono stanziate a bilancio dal Museo per il raggiungimento degli obiettivi programmati e per lo svolgimento dei compiti istituzionali e che il danneggiamento dell’opera è caratterizzato da straordinarietà e imprevedibilità. L’urgenza della richiesta è dettata dalla sentenza del Tribunale di Brescia che intima al Museo Castello del Buonconsiglio il pagamento del danno.

Non vengono forniti ulteriori dettagli quali, ad esempio, la dinamica dell’accaduto, cause, responsabilità e soprattutto il coinvolgimento di un’assicurazione che si suppone dovrebbe attivarsi in casi del genere e a copertura dei danni.

Per questi motivi s’interroga la Giunta, che ha votato il finanziamento nei limiti della disponibilità di cassa per l’anno 2014 ma erogandolo sulla presentazione ex post del fabbisogno di cassa e della rendicontazione delle spese sostenute per la mostra del 2008, sulle cause e le responsabilità del danneggiamento, su un apparente mancanza di copertura assicurativa, sulla sentenza del Tribunale di Brescia e sull’assicurazione stipulata dal Museo per coprire le sue opere ed attività.

Tagged with:

Related Articles