In risposta alle proposte Rossi-Grisenti sulla viabilità in Valsugana

In risposta alle proposte Rossi-Grisenti sulla viabilità in Valsugana

Pergine, 12 settembre ’13

Rispondendo alle proposte del partito unico Rossi-Grisenti in merito al problema della viabilità in Valsugana, siamo convinti che tutto quello finora avanzato abbia l’unico scopo di indurre la popolazione ad accettare nuove opere inutili e costosissime, a consumare il territorio e a produrre solo più traffico e più inquinamento, a solo vantaggio dei costruttori di asfalto.

La Valsugana non si difende distruggendo Besenello o Lavini di Marco (tutte e due zone interessate anche dall’eventuale TAV), anche perchè il tunnel della Valdastico avrà un pedaggio tale per cui il traffico merci passerà ugualmente per la Valsugana. L’allargamento dell’attuale provinciale, con tunnel annessi, servirà solo ad attirare ulteriore traffico parassita oltre quello mostruoso che ci aspettiamo nel 2016 (35.000 veicoli al giorno) all’apertura della Pedemontana Veneta voluta dai leghisti.

Il Trentino e la Valsugana hanno bisogno di soluzioni immediate, realizzabili e sostenibili.

Il Movimento 5 Stelle propone quindi la soluzione in 4 fasi attuabili immediatamente:

  1. Vignetta per i mezzi pesanti parassiti (che non si fermano in Valsugana per carico o scarico).
  2. Adeguamento del divieto di transito dei mezzi pesanti alle normative dell’A22 in termini di inquinamento.
  3. Aumento del traffico merci immediato sulla tratta ferroviaria Verona-Brennero a costi competitivi e tempi certi per assorbire il 60% del traffico merci su gomma attuale, aumentando giorni lavorativi e migliorando il materiale rotabile
  4. Studio e veloce ristrutturazione della ferrovia della Valsugana, sua elettrificazione e utilizzo per il trasporto merci e metropolitana veloce.

OBIETTIVO: Mantenere sull’asse ferroviario Verona-Brennero il traffico pesante parassita.

A proposito, comprendiamo che De Laurentis abbia bisogno di vendere il software gestionale da lui prodotto per la logistica merci su gomma, ma abbia il coraggio anche di proporre il trasferimento coatto degli abitanti di Besenello o di Lavini di Marco in aree meno interessate da opere future. E magari… inizi a produrre un software per la gestione delle merci su ferrovia, magari si appassiona anche lui…

Comunicato ripreso da Valsugana.it – Trentino

Vergnano

Related Articles