Molte le lacune nel monitoraggio delle emittenti trentine commissionato dal Co.Re.Com. in campagna elettorale

Molte le lacune nel monitoraggio delle emittenti trentine commissionato dal Co.Re.Com. in campagna elettorale

Sulla base degli elementi emersi dall’attenta lettura del monitoraggio delle emittenti locali trentine nel periodo di campagna elettorale – monitoraggio del pluralismo politico “Elezioni europee 25 maggio 2014 (3 – 9 maggio 2014)” elaborato dall’Osservatorio di Pavia, il M5Stelle Trentino ha presentato ai primi di luglio un’interrogazione al Presidente del Consiglio provinciale in ordine alle evidenti e significative criticità di natura tecnico procedurale del documento in oggetto.
In particolare, il M5Stelle ha chiesto quali siano state le richieste specifiche inoltrate dal Co.Re.Com all’Osservatorio di Pavia in merito alle modalità di svolgimento del monitoraggio; quali siano state  le motivazioni tecniche a sostegno di scelte come la settimana di monitoraggio individuata tra il 3 ed il 9 maggio 2014, l’equivoca inclusione di alcuni programmi relativi alla Provincia di Bolzano nonché l’inclusione della rassegna stampa quotidiana di una unica rete televisiva escludendo dall’analisi quella delle altre emittenti (RAI e Trentino TV). Rispetto a queste evidenze, si è chiesto in ultima istanza, se l’esito del monitoraggio sia ritenuto tecnicamente soddisfacente. Nella dubbiosità si osserva l’opportunità di non liquidarne il costo. Considerata la vergognosa assenza di tempo di parola e l’irrisorio tempo di notizia destinato alle minoranze rispetto a quelli assegnati ai soggetti istituzionali, Il Movimento 5 Stelle auspica, per le prossime campagne elettorali, che sia assicurata la corretta competizione a tutela del pluralismo, garantendo equità alle forze politiche in gara nella ripartizione dei tempi e degli spazi sui media.

Gruppo consiliare M5Stelle Trentino

 

 

Related Articles