No alla Valdastico: impegni chiari o referendum!

No alla Valdastico: impegni chiari o referendum!

Comunicato Stampa inviato ai principali quotidiani locali ed ignorato da:
quotidiano corriere del trentino barrato

quotidiano adige barrato

Filippo Degasperi portavoce del M5S trentino ha deciso di presentare una mozione che impegni la Giunta a non prendere alcuna iniziativa a favore della realizzazione della autostrada Valdastico Nord.
Spiega Degasperi: «Considerato che i partiti che hanno vinto le elezioni provinciali in Trentino lo hanno fatto promettendo che mai e poi mai avrebbero accettato la realizzazione della Valdastico Nord è naturale constatare che se si rimangeranno quanto scritto nel loro programma metteranno nero su bianco di aver mentito agli elettori»
«Il no alla Valdastico – prosegue il Consigliere del MoVimento – era e resta una posizione più che sensata considerato che da anni chi ci governa afferma di aver scelto di potenziare i trasporti su rotaia piuttosto di quelli su gomma. Oltre a questo va sottolineato come gli studi dimostrino la scarsa o nulla capacità della Valdastico Nord di risolvere i problemi di traffico della tratta Bassano – Trento, come il progetto preliminare della A31 Nord manchi completamente di una analisi costi/benefici e come l’aumento del volume del traffico previsto sulla A22, non verso nord ma verso sud, porterà ad un ulteriore inasprimento delle condizioni di vita di coloro che vivono lungo l’autostrada del Brennero, specie per quel che riguarda l’esposizione, già oggi inaccettabile, al biossido d’azoto. Per tutte queste ragioni il M5S resta fermamente contrario alla realizzazione dell’autostrada Valdastico Nord: non ha utilità per il traffico, la proposta che la sostiene è priva di giustificazioni valide e se portata a termine metterebbe ulteriormente a rischio la salute dei cittadini».
Degasperi conclude spiegando il senso della sua proposta: «La mozione che abbiamo presentato impegna la Giunta a dire no alla Valdastico. Se la maggioranza la respingerà, noi del M5S comunque non ci arrenderemo e abbiamo già pronta la proposta di un referendum provinciale per far si che siano direttamente i cittadini col loro voto ad impedirne la realizzazione».

Gruppo Consiliare Provinciale
M5S Trentino

Related Articles