Distretto Agricolo del Garda: i soldi ci sono, le scuse sono finite

Distretto Agricolo del Garda: i soldi ci sono, le scuse sono finite


Comunicato Stampa inviato ai principali quotidiani locali ed ignorato da:
quotidiano corriere del trentino barrato quotidiano trentino barrato

quotidiano adige barrato


I 100 mila euro stanziati sui capitoli del servizio agricoltura sono risorse destinate all’attivazione del Distretto Agricolo del Garda trentino.
A dirlo ora non siamo solo noi del M5S trentino che pure abbiamo voluto ed ottenuto quello stanziamento con un emendamento specifico, ma lo conferma anche l’Assessore all’agricoltura Dallapicolla nella risposta ad una nostra interrogazione sul tema.

Cade così anche l’ultimo appiglio per coloro che il Distretto Agricolo lo hanno fin qui bloccato con ogni mezzo e che di recente hanno cercato pure di sovvertire la Legge Provinciale che lo istituisce mettendo se stessi a capo del Distretto invece degli organi partecipativi e di controllo previsti. La loro ultima trovata era stato cercare di sostenere che i 100 mila euro non erano strettamente legati al Distretto Agricolo e quindi potevano essere spesi per altre ragioni.
Così non è, ed ora che la verità è stata ribadita anche dall’assessore competente, si spera che il nutrito gruppo dei nemici del Distretto Agricolo del Garda trentino si arrendano di fronte all’evidenza.

A ben vedere nella risposta di Dallapiccola però c’è anche un’altra informazione rilevante, spiega perché la PAT non ha ancora dato esecuzione alla L.P. n.15 del 2008: a quanto pare esisterebbe un tavolo di lavoro che vede protagonisti Comunità di Valle dell’Alto Garda e Ledro e «portatori di interesse locali» ove tutto sarebbe fermo fin dall’anno 2012. In altre parole la politica locale blocca tutto, fregandosene altamente della Legge Provinciale e soprattutto della volontà espressa da migliaia di loro concittadini. Tanta è la paura di perdere il controllo del territorio e di dover rispondere a qualcuno che non siano le solite lobby del cemento che pur di non far partire il Distretto la politica locale dell’Alto Garda è disposta, caso più unico che raro, a rinunciare a 100 mila euro disponibili!

Ringraziamo cittadini, associazioni ambientaliste e comitati che da anni continuano la lotta per vedere affermata la volontà popolare. Saremo sempre al loro fianco fino a che ogni resistenza non sarà vinta e il Distretto Agricolo diventerà finalmente realtà.

Cons. prov. Filippo Degasperi
Gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle

Related Articles