Ex Argentina, per il territorio lo sfregio resta insanabile

Ex Argentina, per il territorio lo sfregio resta insanabile


Al di là del piano strettamente giudiziario, la sentenza odierna sul complesso Ex Argentina, che ha visto la condanna in primo grado di due imprenditori e di una dirigente comunale per il reato di lottizzazione abusiva, ha un enorme valore politico e sociale.
Ignorando le denunce e le richieste dei cittadini e del MoVimento 5 Stelle, che da tempo e a più riprese avevano lanciato l’allarme ravvisando in quest’opera uno sfregio irreparabile, i partiti di maggioranza, infatti, hanno sempre sostenuto e avallato quello che dal punto di vista ambientale e paesaggistico rappresenta un vero ecomostro.

La sentenza di oggi dimostra come le scelte di certi partiti negli ultimi anni siano state quantomeno superficiali e abbiano accelerato lo sfruttamento del territorio, la cementificazione, il degrado del bene pubblico.
Oggi alcuni esponenti politici locali anziché festeggiare qualche assoluzione dovrebbero meditare sui danni che i loro partiti hanno causato al territorio.
All’olivaia di Arco la ferita rimane insanabile e nessuna sentenza potrà mai risarcire i cittadini, privati di un bene collettivo di inestimabile valore culturale e paesaggistico.

Riccardo Fraccaro
Deputato della Repubblica Italiana MoVimento 5 Stelle

Related Articles