Per fermare la povertà reddito di cittadinanza locale adesso

You are currently viewing Per fermare la povertà reddito di cittadinanza locale adesso

Comunicato Stampa inviato ai principali quotidiani locali ed ignorato da:
quotidiano corriere del trentino barrato

quotidiano adige barrato

«Contro povertà ed esclusione sociale la risposta c’è e si chiama Reddito di cittadinanza locale.
Gli ultimi dati sulla povertà e il disagio sociale dei Trentini sono allarmanti: il 13,6% della popolazione è in serie difficoltà economiche e a rischio povertà, soprattutto a causa della disoccupazione. L’aspetto più preoccupante è che mentre le altre regioni e l’Alto Adige sono corsi ai ripari riuscendo in parte a rallentare il trend, il Trentino peggiora e intanto alla Caritas bussano sempre nuovi poveri. La crisi non risparmia le imprese, che chiudono e lasciano a casa i lavoratori. Un circolo vizioso e un problema complesso, per cui le misure introdotte dalla Provincia in questi anni (reddito di garanzia che finisce all’estero e contributi a pioggia a imprese che poi hanno delocalizzato) sono state dei flop colossali. La risposta al problema deve essere strutturale e in Trentino c’è già: si chiama Reddito di cittadinanza locale, una proposta di legge che aspetta solo di essere discussa in Consiglio provinciale.

Non solo un aiuto concreto per i cittadini che non arrivano a fine mese, ma una manovra economica in grado di rilanciare le aziende locali. A beneficiarne sarebbero cittadini e famiglie residenti in Trentino da almeno 5 anni, che non avrebbero solo un contributo in denaro, ma dei crediti da caricare sulla tessera sanitaria e da utilizzare per pagare l’affitto, fare la spesa, eccetera. Le imprese, a loro volta, potranno utilizzare questi crediti negli scambi commerciali e, se hanno sede legale in provincia, per compensare tasse e imposte fiscali. Così il denaro resterà sul territorio. Non è una forma assistenzialistica, prevede misure puntuali e stringenti di inserimento nel mondo lavorativo: dopo due rifiuti di proposte di lavoro si perde il diritto al Reddito di cittadinanza.

A beneficiarne sarebbero 16mila e 400 famiglie trentine con redditi bassi. Si va da un minimo di 625 euro al mese per chi vive da solo, a un massimo di 1.300 euro al mese per una famiglia con bambini. Il reddito di garanzia al momento viene incontro solo a 2.317 famiglie e ne esclude 7.500, viene erogato per massimo 8 mesi e prevede periodi in cui non si può ripresentare domanda. La proposta del M5S invece estende l’aiuto economico e produce vantaggi tangibili sull’economia reale provinciale: rimanendo sul territorio, il denaro impiegato per il reddito di cittadinanza locale, in totale 87 milioni di euro, produrrebbe un aumento del Pil dello 0,47%. La prima vera lotta concreta alla povertà e alla disoccupazione mai proposta in Trentino, che ci auguriamo di discutere a breve in Consiglio provinciale».

Cons. prov. Filippo Degasperi
Gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle