Interrogazione scritta: Situazione RSA San Bartolomeo

Interrogazione scritta: Situazione RSA San Bartolomeo

Gruppo consiliare

MoVimento 5 Stelle

Trento, 14 ottobre 2015

Alla cortese attenzione della
Presidente del Consiglio comunale
Lucia Coppola
SEDE

Interrogazione a risposta scritta presentata da Andrea Maschio, Marianna Demattè, Paolo Negroni consiglieri comunali Movimento 5 Stelle Trento

Oggetto: Situazione RSA S. Bartolomeo

            Visto:

  • le segnalazioni in merito alla RSA San Bartolomeo della presenza di alcuni piccoli danni nella stessa che possono peraltro portare pericolo e/o problemi per i residenti la RSA stessa quali:
    • lastre di marmo in posizioni non corrette, rotte, cadenti ed in alcuni casi sistemate in modo non appropriato
    • problemi di infiltrazione d’acqua dal piano superiore in corrispondenza della cucina che fa presupporre perdite nelle tubazioni annesse;
    • problemi di risalita di umidità nelle pareti perimetrali in modo consistente da compromettere la salubrità del luogo;
    • perdita dalle grondaie con conseguente continua umidità a terra e possibile formazione di ghiaccio nel piazzale ad uso della RSA e dei suoi residenti;
    • ulteriori infiltrazioni nell’interrato con presenta di tubazioni elettriche e relativo pericolo di elettrocuzione.
  • la deliberazione del Consiglio di Amministrazione per il rinnovo del Dirigente Medico;
  • viste le dichiarazioni scritte durante la campagna elettorale del 2013 nella quale il Presidente dell’UPIPA (Unione case di riposo del Trentino) Avv. Antonio Giacomelli per conto del PATT affermando che si sarebbero bloccate le rette per i successivi due anni;
  • l’allegato Direttive per l’adozione, da parte delle Aziende Pubbliche di servizi alla persona che gestiscono RSA, di piani di miglioramento per il periodo 2013-2015 ove si esplicita che si dovrà tenere conto della progressiva riduzione del finanziamento provinciale per la funzione delle RSA evitando di scaricare sulla quota a carico dell’utente (retta alberghiera) il minor finanziamento pubblico;

            al fine di avviare un dibattito in merito a tale situazione per poter giungere in tempi rapidi ad una soluzione si interrogano il Sindaco e la Giunta per sapere:

  1. Se le segnalazioni dei danni nelle premesse evidenziate corrispondano al vero;
  2. in caso affermativo se si sia provveduto alla loro sistemazione;
  3. in caso contrario se sia stato programmato la manutenzione dell’edificio nelle problematiche segnalate;
  4. se sia pensabile di fare un incontro congiunto Consiglieri, Assessore di competenza e personale competente della RSA presso la RSA per visionare il tutto;
  5. se in merito al Rinnovo del Dirigente Medico siano state seguite tutte le norme di legge;
  6. in caso affermativo se comunque non fosse stato meglio procedere con una gara per l’incarico in modo da diminuire i costi e seguire le Direttive su richiamate;
  7. se le promesse elettorali del Presidente UPIPA e del PATT siano state poi messe in pratica;
  8. se ad oggi siano state rispettate le Direttive per l’adozione, da parte delle Aziende Pubbliche di servizi alla persona che gestiscono RSA, di piani di miglioramento per il periodo 2013-2015 ove si esplicita che si dovrà tenere conto della progressiva riduzione del finanziamento provinciale per la funzione delle RSA evitando di scaricare sulla quota a carico dell’utente (retta alberghiera) il minor finanziamento pubblico.

            In attesa di risposta scritta, porgiamo i cordiali saluti.

 

Consiglieri comunali Movimento 5 Stelle
Paolo Negroni
Andrea Maschio
Marianna Demattè

Related Articles