Legge di Bilancio 2019, pace fiscale: Trentino Riscossioni indifferente davanti alla legge dello Stato. “Non intende aderire”

Legge di Bilancio 2019, pace fiscale: Trentino Riscossioni indifferente davanti alla legge dello Stato. “Non intende aderire”


Nel decreto fiscale legato alla legge di Bilancio 2019 viene riportata una norma che prevede lo stralcio delle cartelle sotto i 1.000 euro notificate dal 2000 al 2017.

E’ del tutto evidente che un cittadino cerchi di capire come muoversi e si adoperi per cercare informazioni negli uffici competenti.

Ecco quindi che telefonando a Trentino Riscossioni ci si sente rispondere che la società in questione non intente aderire a questa iniziativa.

Sorge la perplessità di come una SPA delegata a riscuotere dalle tasche dei cittadini posso decidere di aderire o meno ad un “iniziativa” dello Stato volta a aiutare i cittadini in difficoltà.

Ancora più dirimente il fatto che non se ne parli e che l’informazione nel merito sia silente.

Per informare i cittadini della nostra città abbiamo chiesto al Sindaco di rendere conto in aula in merito alle procedure da porre in atto per il cittadino in riferimento alla pace fiscale di cui in oggetto.

 


Andrea Maschio
Portavoce
Consigliere del MoVimento 5 Stelle nel Comune di Trento
M5S TrentoComunicati Stampa5stelletrento@gmail.comPagina Pubblica

Paolo Negroni
Portavoce
Consigliere del MoVimento 5 Stelle nel Comune di Trento
M5S TrentoComunicati Stampa5stelletrento@gmail.comPagina Pubblica

Marco Santini
Portavoce
Consigliere del MoVimento 5 Stelle nel Comune di Trento
M5S TrentoComunicati Stampa5stelletrento@gmail.com

Related Articles