Nuova ferrovia del Brennero: è quasi morta ma il tunnel da 24 miliardi resta in piedi!

Nuova ferrovia del Brennero: è quasi morta ma il tunnel da 24 miliardi resta in piedi!

Comunicato Stampa inviato ai principali quotidiani locali ed ignorato da:
quotidiano corriere del trentino barrato quotidiano trentino barrato

quotidiano adige barrato

Ma la Nuova Ferrovia del Brennero esiste ancora? Forse no almeno a giudicare dalle ultime notizie. Ad indicare che il progetto sia in fase di arresto, la risposta fornita dall’Assessore Gilmozzi ad una precisa interrogazione del Consigliere Degasperi del M5S, che spiega:«Avevamo chiesto lumi sul progetto di Circonvallazione di Trento e Rovereto della Nuova Ferrovia del Brennero e ci è stato risposto che il progetto è stato ritirato ancora nel 2011 e quindi non è mai nemmeno arrivato al CIPE. Se uniamo questo fatto alla risposta dell’Assessore Mussner ai Verdi altoatesini nella quale egli chiarisce che l’attuale ferrovia da Ponte Gardena a Verona è già conforme alle prescrizioni TEN-T e alle esigenze di trasporto merci del Paese. Se ne deduce quindi che non ci sia alcun bisogno di quadruplicarne la portata. Da queste affermazioni si evince che, per ciò che riguarda l’Italia, di tutti i progetti della Nuova Ferrovia del Brennero ne restano in piedi solo due. Il tunnel di base del Brennero e il Lotto 1 Tratta Fortezza – Ponte Gardena (che pure ha i suoi problemi visti i rilievi della Corte dei Conti), per un percorso totale di 25 KM».
Naturalmente se tutto il resto sparisce si fa fatica a capire il senso del voler proseguire con 2 sole opere, limitate e costose: «Solo il tunnel di base del Brennero costerebbe qualcosa come 24 miliardi di euro e questo senza considerare i danni ambientali. Se il resto della ferrovia non verrà adeguato perché è chiaro che non ce n’è bisogno, perché mai serve spendere tante risorse che potrebbero essere utilizzate con maggiore profitto altrove? Forse si desidera realizzare l’opera a prescindere dalla sua conclamata inutilità solo per poter movimentare le ingenti risorse di cui sopra e far festa? Noi del M5S crediamo nella necessità di spostare il traffico merci dalla gomma alla rotaia, ma ciò che abbiamo già, è largamente sotto utilizzato e potrebbe gestire assai più merci senza finire a costare valanghe di miliardi. Un’amministrazione che abbia a cuore l’interesse pubblico dovrebbe partire da questi presupposti, non dall’idea di spendere tanto dove non serve a niente o addirittura si fanno danni!».

Cons. prov. Filippo Degasperi
Gruppo consiliare MoVimento 5 Stelle

2015-09-08 Risposta assessore mobilità PAT Gilmozzi a interrogazione su progetto preliminare Lotto 3 Circonvallazione Trento e Rovereto

2015-09-08 Risposta assessore mobilità PAT Gilmozzi a interrogazione su progetto preliminare Lotto 3 Circonvallazione Trento e Rovereto

Related Articles